Recensione Mini Rock… l’assolo del GDR

Voto 8 Un GDR vecchio stampo che mira subito a un genere di gioco veloce e leggero ma non privo di quella vena Rock che lo contraddistingue. Tutto ruota attorno a questo genere musicale e lo fà davvero ,dalle citazioni a i poteri dei personaggi che mai smettono di essere “sgravi e truzzi” … ottimo il sistema di combattimento e leggermente macchinoso quello dei concerti (ma con un pò di pratica padroneggerete). Non è un GDR dalle lunghe campagne e forse è proprio questo il peccato perchè il gioco tira ,cattura e ti mette in moto salvo poi essere un Mini Games appunto. Migliorabile, espandibile ma comunque così com’è molto godibile…tanto godibile che dopo il salto troverete una bella bella recensione

SE c’è un parente stretto del GDR uno di questi è sicuramente il Rock  uno perchè entrambi hanno vissuto buona parte della loro gloria in anni per così dire comuni… e non è certo un caso che spesso si è finiti per mescolare pericolosamente le due cose passando da buoni mush up a crossover davvero discutibili al limite del trah ,e parlo sia di musica che di GDR

Tutto parte dalla Mini G4m3s Studios è una piccola realtà GDristica italiana e per sua stessa volontà porta sul proprio banchetto spesso prodotti studiati per essere rapidi , giocosi e di non troppe pretese… forse è questo che mi ha portato ad allontanarmi un pò e di aver avuto (per mea culpa) una disattenzione per questo prodotto …un prodotto che non solo è fatto con amore come una nonna farebbe le tagliatelle per la famiglia la domenica , ma anche con una cura davvero “clinica” nella ricercatezza di una grafica Rock (ma senza dargli un tono troppo specifico) alle citazioni ,innumerevoli nel manuale…insomma qui non si tratta di uno che ha usato il Rock come spunto per il GDR ma di un GDR nato  PER IL ROCK seppur con tutti i limiti del caso di un progetto nato per essere un piccolo e Mini prodotto…appunto Mini Rock

Mini Rock trae da molte ispirazioni ma forse una su tutte è quella più riconducibile e che fa da quasi biglietto da visita in maniera molto esaustiva, si perchè in questo gioco ho scoperto che ci si mena come buzzurri (anche se dalla copertina sembra di no) , ci si ruzzola “de botte” a colpi di MicrofoniRandelli o ChitarreAsce e si evoca quello che è lo Spirito del Rock per far si che il proprio Basso emetta colonne di fuoco. Mo ditemi voi se non vi ricorda questo…

giocatelo …vi cambierà la vita..in meglio

Di che cosa tratta il gioco?  Mini Rock inizia là dove inizia la storia di  Rockopia; questo è il nome di un fittizio mondo parodia degli USA post seconda guerra mondiale. Rockopia è un mondo/continete/stato da un passato a malapena accennato e da un parallelismo però fortissimo con i veri USA a cavallo tra la seconda guerra mondiale e la guerra in Vietnam, parallelismo espresso nella musica e nei movimenti sociali simboli di quell’epoca…dell’epoca del Rock.

Rockopia è un mondo pacifico dove per secoli la musica e il popolo vivevano in perfetta armonia con la natura…poi il mondo cambiò, si industrializzò e solo recentemente una nuova scoperta cambierà per sempre il mondo…il Flogisto

Il Flogisto ,un raro gas di recente scoperta fu utilizzato da tutti i governi per cambiare il mondo e alla fine per devastarlo in un enorme conflitto di interessi privati fino alla resa, la pace che fu possibile solo tramite l’attivismo del neo movimento pacifista e del neo nato Rock and roll..tutto cambiò e la musica stessa svolse il ruolo chiave e di collante sociale..gruppi di giovani si riunivano per cantare e per esprimersi in tutta libertà, il mondo iniziò a essere teatro delle prime band ,delle prime mode folli di stiliti eccentrici e dei primi concerti storici come il Woodstock, insomma tutto diventò una colorita era prega di musica , giovinezza spensierata e tanto Rock

Se tanto mi dà tanto allora tanto Rock ,tanta trasgressione improvvisamente esplosa dappertutto non poteva che generare anche una nemisi opposta quanto risoluta.. ed ecco che se da un lato i giovani “festeggiavano” dall’altro si eresse un muro di bigottismo incredulo davanti allo smembrarsi dei propri principi e della propria morale, fù così fondato il “Sound of Silence” , culto che trovò in brevissimo tempo Rockopia molti adepti

Tutto continuò su questa guerra fredda della moralità fino a quando nel più epico dei concerti del Woodstock e con sul palco la stella più leggendaria del Rock in procinto di dar inizo alla festa fu lanciato un attacco Nuclear/Flogisto proprio sul prato verde del concerto….fu un ecatombe come lo furono altre città vittime di questo attacco… il Sound Of Silence sferrò il colpo più duro

Ora Rockopia è un mondo post apocalittico dove il flogisto ha non solo contaminato le città ma le persone stesse mutandone di aspetto….ecco comparire gli abomini grossi e tozzi con una forza sovraumana

ed ecco anche “la stirpe del maligno” ovvero superstiti di quei giorni di apocalisse dove però la loro mutazione osteggia tratti sinistri e infernali tanto che il “Sound of Silence”  forte del suo credo puritano e moralista indica come i principali colpevoli di tutti i mali.

e come dargli torto…

In tutto questo ci son ancora i superstiti ,gente comune che cerca sopravvivenza tra macerie di enormi città, locali clandestini e rifugi dove nascondersi a i plotoni delle forze del “sound of Silence” che rastrellano ogni angolo di mondo in cerca di ribelli per essere convertiti al credo moralista

E la musica?..il Rock?   la musica e sopratutto il Rock è sopravvissuto anche se nascosto e ormai etichettato come “atto illegale” eppure è proprio la musica che dopo il “giorno dell’apocalisse” ha avuto il suo più grande cambiamento.. LO SPIRITO DEL ROCK è ora sulla terra….più vivo che mai e la dimostrazione sono quelle poche persone che maneggiando una chitarra riescono a evocarlo sotto forma di tuoni ,lampi ,fulimi, fiamme e ogni potere che Dio , lo Spirito del Rock dona a i suoi adepti che ancora lottano per la sopravvivenza…

“Zitti pivelli”

In tutto questo caos i giocatori  interpreteranno dei personaggi che dovranno destreggiarsi in questo duro mondo di distruzione e di dittatura a colpi di “Spirito del Rock” ..si perchè è questa la forma di ribellione e di potere seppur celata ancora più forte che ha sviluppato (secondo alcuni per effetto collaterale del flogistro..) poteri indescrivibili…. ora le chitarre attraggono fulmini dal cielo in mano a i chitarristi più bravi che sanno come farle urlare di piacere e controllare tale potere tanto da dirigerne le saette… batteristi che rullando richiamano a se nubi nel cielo … fuoco e lampi da strumenti musicali che per praticità sono stati fusi con le ultime armi rimaste nel mondo e che spesso non necessitano di flogisto ma solo di una buona lama tagliente…

ecco che su Rockopia giovani pazzi e “on The Road” sfidano il mondo e la tirannia portando la musica, combattendo e scorazzando tra le polverose strade con il culo su una bella muscle car degli “anni  d’oro”,rivendicando libertà e musica ad altissimo volume, cercando donne,soldi  e fama da Re del Rock  in una Rockopia a metà tra la distruzione e la tirannia dove leggende e dicerie scorrono nei locali

..tutto questo è Mini Rock!

Come funziona il gioco?  Mini Rock è un GDR  “MOLTO” tradizionale giocato con una mecanica basata sul dado 6 facce (D6) in modo narrativo e con la componente del Master nella maniera più tradizionale del termine

Mini Rock a un analisi lo si potrebbe spezzare in due sezioni molto ben distinte…”er vecchio simil-D&D”  e “Il Concerto” .ma su questo torneremo dopo…intanto occupiamoci dei tamarri..i personaggi giocanti

…un ottimo esempio di spie del Sound Of Silence (e un centone  e tante grazie a chi indovina chi sono questi pezzenti)

La creazione personaggi:  La creazione dei personaggi è tanto semplice quanto rapida e si basa unicamente su un “point buy” dunque nessun fattore casuale ma un attenta, e nemmeno tanto viste le opzioni non numerosissime, dispiegazione dei punti (si perchè come nel caso delle Caratteristiche si tratterà solo di sposate punti da un numero di punteggi medio già prefissato).

I giocatori inizialmente saranno chiamati a scegliere Razza e Ruolo..se per la razza si tratterà di scegliere tra Umano normale,Abominio o Stirpe del maligno dove i cambiamenti saranno tutt’al più in qualche modifica alle caratteristiche ; il ruolo invece è tutt’altra roba e trattasi innanzi tutto di scegliere se essere un “Ruolo da Palco” o di “Dietro le quinte” (và detto che solo i ruoli da palco in sè vengono ampiamente trattati dal gioco e che sono per lo più loro quelli che utilizzeranno la meglio la fase “Concerti” che è una grossa fetta del regolamento)… tra i ruoli da palco spiccano i classici componenti di una band come il CHITARRISTA,BASSISTA ,ecc ecc.. mentre per il “dietro le quinte” ci saranno le figure come Roadie,Groupie o Manager

Fatto questo si stabiliscono una serie di Caratteristiche (partendo da una base offerta tramite la razza) dove si faranno solo dei spostamenti a dei punteggi pre-impostati e delineare anche le sub-caratteristiche che ne derivavo

Si spendono 25 punti per mettere questa o quella abilità anche se prima va deciso se avere una sola abilità sbloccabile a un valore superiore a quello permesso o averne due con un valore sbloccabile leggermente superiore a quello permesso da i limiti. Sempre dalle abilità controllando due valori specifici come Suonare Strumento e Esperto di Storia del Rock avrete i i strumenti che vi spettano e la possibilità di avere un repertorio musicale pari a i punti spesi in queste abilità (oltre che segnarvi il genere potete sbizzarrirvi mettendoci anche i rispettivi titoli delle canzoni)

Infine ,qualche regola di dettaglio per l’equip e il denaro iniziale (in Dollari) e il PG è fatto…tempo stimato 5/10 minuti max per il niubbo di turno…2/5 minuti per chi ci gioca già alla seconda battuta (aiuta molto anche il riassuntino in una singola pagina per la creazione guidata)

Detto questo veniamo alla parte “Er Vecchio D&D” …perchè questo nome? perchè essenzialmente Mini Rock ,seppur con tutte le piccole differenziazioni e eccezioni del caso ricorda moltissimo il vecchio GDR old school che fa sempre figo in frigo. Ecco ,dunque,  comparire l’intero set di regole più comuni …

la prima è la gestione delle abilità che comunque ci regala già la prima differenza del caso con una regola tanto semplice quanto efficace, ecco come si mette mano a una abilità:

“si tirano tanti d6 quanto è il valore della caratteristica che il Narratore richiede .. un successo è tale quando uno dei dadi ha un valore minore all’abilità richiesta” 

In realtà può sembrare a occhio una regoletta del chupa ma in realtà è ottima la dove un abilità può essere svolta da una caratterista piuttosto che un altra in uno specifico caso ,dunque ecco che un abilità come Correre può essere intrapresa in una scena di scatto (forza) o una lunga corsa (Resistenza) o una fuga rocambolesca tra cumuli di rifiuti (destrezza) …nel caso di una fuga rocambolesca con abilità Correre a 2 e  conil mio PG con 3 a destrezza semplicemente tirerò 3d6 sperando che uno dei dadi faccia 1 o almeno 2 …se un dado lo fà ..”CAZZO SON FUGGITO!” …si je piacerebbe peccato che il Narratore ha un set di bonus o malus applicabili al “come cazzo gli gira perchè son un gioco tradizionale come molti altri” e dunque ecco che con un -2 prchè i rifiuti son rifiuti la mia fuga diventa una caduta rovinosa ….ottimo (questo per dire che c’è una tabellina carina che aiuta il Narratore nei bonus malus e persino nella decisione di Abilità dove non servirà tirare nessun dado o dove è  semplicmente IMPOSSIBILE…minchia)

Una regola che stacca di brutto la pessima quanto rigida impostazione di un gioco di ruolo milionario che non staremo a citare…ah no già citato sorry

Aggiungono pepe al comparto regole sulle abilità le solite regole su i test contrapposti e quelli prolungati mente un interessante differenziazione la fanno le Abilità lasciate a grado 0 (cioè del tipo: ” se affoghi perchè non c’hai un punto a nuotare cazzi tuoi”) che si potrà comunque almeno tentare di realizzare anche se sarà molto più difficile il raggiungimento del successo

Attenzione: sembra tutto rosa e fiori peccato che le abilità si dividano anche tra SEMPLICI E COMPLESSE  dove per Complesse sta la differenza che senza 1 Grado “col cazzo che ne sai anche un H di quello che devi fare…dunque niente tiro abilità ciccio”…occhio

Altro giro altra regola…stavolta per il Combattimento… combattimento gestito anche questo in modo molto semplice e tradizionale

Prima cosa la classicisima Inziativa… si tirano 2d6 e si somma all’agilità …ecco fatto, EHh NO! perchè nei round successivi ogni giocatore e Master infame può incrementare il valore di tale iniziativa quanto vuole peccato che per ogni +1 si becchi un -1 a ogni azione nel round

Deciso chi ce l’ha più rapido si passa a capire se c’è un attacco di Sorpresa…cosa cambia? che chi coglie di sorpresa guadagna un “round regolare” cioè le solite movimento+attacco e robe simili mentre il pivello colto alla sprovvista non solo non può difendersi ma ogni “tiro contrapposto” avrà valore 0 ..insomma ,tosto, davvero tosto beccare uno alle spalle..si perchè i termini di questa “sorpresa” non sono definiti e il narratore deciderà in seduta stante

Ora si passa all’azione…o meglio le azioni inq uanto siamo al cloù del round di combattimento detta Round Regolare..il round regolare è di 6 secondi e in 6 secondi abbiamo le “solite” scelte tra un paio di azioni molto tipiche di D&D e strutturate quasi alla stessa maniera..perciò ecco che il Round Regolare permette solitamente 2 azioni (muoversi è un azione come lo è attaccare) ,robe tipiche come “mi alzo e attacco” …”mi muovo x metri e attacco”..”finto e attacco” insieme alle azioni di durata maggiore come “Difesa totale” , “correre”,”carica” , ritirata “Disinpegnarsi”… o ATTACCOPODEROSO ..rimangono le solite azioni gratuite sfigate ma tanto utili come “parlare” ecc ecc

Gli attacchi e le difese… qui ci si mena ed ecco che Mini Rock propone un sistema di AttaccoVsDifesa con tiri contrapposti  (la parata in questo caso non costa un azione a chi la effettua) , mentre per attacchi a distanza sarà solo necessario un successo dell’attaccante (molto più razionale)

Se avete colpito si procede alla localizzazione tramite 2d6 che i base a le 6 macrozone del corpo umano daranno penalità o bonus a i danni..danni che verrano dunque espressi con 1d6+modificatore arma+modificatore zona…rilsutato ,vedi tabella , si pechè c’è una tabella che indica gradi di danno ; curioso è il fatto che alcuni rage di danni siano poco preocupanti ma alcuni siano mutilanti e mortali, il recupero ,poi, da queste ferite ricalca lo stesso schema offrendo una cura quasi istantanea sulle ferite leggere ma settimane per quelle gravi

A questo si aggiungono un bel pò di cose carine come I Stili di Combattiento (in realtà non sono cose da selezionare ma bonus derivati automaticamente quando si combatte con determinati set di armi e protezioni) o la gestione armature FINALMENTE resa come semplice “riduzione del danno” o gli scudi che sono molto efficaci specie contro armi a distanza , regola sulle armi a esplosione, i danni a gli oggetti , le armature che si possono rompere ecc ecc

I Concerti… suvvia ci stavamo pure annoiando…che vuoi che ce ne freghi del combattimento in un gioco chiamato MINI ROCK e che cazzo! datece sti cazzo di concerti emmobasta!….. e c’avete pure ragione eh! infatti ecco che vi spiego a grosse linee il clou del gioco YEHAAA!

da buon GDR bastardo che si rispetti inizierete dal “basso”

I Concerti …sono la parte fondamentale del gioco ..e sono anche la parte più complessa. Essi innanzi tutto vedono partecipi tutti i giocatori… i personaggi dovranno decidere la scaletta e la composizione della Crewmentre il Narratore toccherà in base alla situazione decidere l’Anzia da prestazione del gruppo, il morale del pubblico e la pretesa del pubblico…tutta roba che offre un set di modificatori  fatto questo inizia il concerto

Ogni canzone rappresenta una fase del concerto e il gruppo dovrà suonare spesso all’oscuro dei gusti del pubblico tra un set di 4 tipologie di Rock… sarà possibile intuire quello che il pubblico chiede tramite una prova Empatia..

“Nella …vecchia… fattoria…ia ……ia……ohhhhhhh”

..se la prova riesce si potrà decidere di CAMBIARE SCALETTA (attingendo anche dal repertorio di riserva ma questo spesso comporta malus) oppure ,specie in caso di fallimento procedere quanto da programma

A ogni “giro” un o dei personaggi avrà il compito di effettuare un test con il suo strumento oppure attivare un potere di un arma “magica di Spirito” o fare persino un assolo (che aggiunge molti più punti) …se la prova passa otterranno punti se si stecca allora si perdono punti fama con il rischio di venire presi a “verdure in faccia”

Fatte tutte le canzioni prendete questa…

Finito il concerto si fa la somma dei punteggi ottenuti nelle prove (con tutti i modificatori del caso) e si somma a tutto ciò il punteggio aggiunto dalla crew e il morale del pubblico …il totale sono i Punti Gradimento del pubblico

A questo punto la parte finale è un extra conteggio dato aggiungendo altri modificatori come la “difficoltà del concerto” e “la difficoltà di cambio scaletta” uniti a un ipotetico Contratto (stipulabile con il Narratore previi accordi sociali e non regolamentati) ,il mega risultato è il premio in denaro al gruppo..ma non è tutto qui perchè aggiungendo un altro calcolo (moltiplicando famaxpunteggio carriera attualexdenaro guadagnato…) si arriva a un totale di Punti Carriera del gruppo

Ovviamente abbiam tralasciato tutto un discorso su la Crew e attrezzatura da concerto che aggiungono o tolgono punti …

Citazione speciale va a loro… le armi “magiche”…veramente figo infatti è il sistema semplicissimo dei poteri dato dallo “Spirito della Musica”

“il metallo ce l’abbiamo…il dio pure…che si dia inzio al God of Metal live in Isengard”

Utilizzabili dentro i concerti e anche in combattimento (azione complessa) i poteri si differenziano appunto per questi due usi, oppure per tipologia di Strumento ..voce del cantante compresa…

…in un escalation di poteri davvero devastanti rispetto alle capacità di PG e PNG ma quasi mai sotto forma di attacchi diretti ma spesso come poteri di sostegno del gruppo ; spettacolari sono da dire i poteri che ricalcano titoli di alcune famosissime canzoni riproducendoli in poteri dall’effetto speciale molto speciale , basti pensare al potere God of Thunder che fa apparire un vichingo che combatterà per noi, o Ironman dove il potere racimolerà pezzi di metallo fondendolo al musicista e rendendolo una macchina da guerra..o il fighissimo Riders of the Storm dove il giocatore evocherà un bel pò di fulmini che a terra prenderanno le sembianze di un gruppo di chopper  elettrici e travolgendo tutto al loro passaggio)

Insomma i poteri sono da urlo…tosti cazzuti e assurdi come un buon gioco Rock pretende

——————————————————————————————————————————————————————————————–

Considerazioni per questo Mini Rock sono per lo più positive…

Partiamo dal setting che per altro è la prima cosa che il manuale presenta ..l’ambientazione è OTTIMA, descritta e delineata daverro con maestria formando una bellissima quanto pittoresca parodia degli USA a cavallo tra gli anni 50-70 descrivendo con una vena citazionistica molto spinta intere situazioni al ritmo di titoli di grandi brani (veri!) del Rock che puntellano tutto il manuale ,da i titoli a nomi fittizi di città e mostri (Black Dog?!)

Una roba che è una pura figata di 69 pagine che si destreggiano dalla descrizione di cose che sembrano (per molte ovvie ragioni) cose facilmente immaginabili …un fottuto viaggio On the Road in una delle utopie politico musicali più belle che si potevano concepire..sublime poi sono i dettagli di luoghi tipici dell’america a noi conosciuta …insomma un bel lavoro evocativo e descrittivo ,senza lungaggini eccessive ,senza troppi focus che soffocano la libertà dei Narratori di aggiungere altri strati di vicende ,luoghi e dettagli…insomma una vera e fottuta Rockopia goduriosa da leggere e che invoglia tantissimo a “farne parte”

Il Regolamento invece si apre con un concept mooolto classico del GDR seppur nelle sua semplicità contenga finezze che a oggi quel famoso GDR e altri molto simili ancora son restii a adottare… ottima per esempio è la possibilità di utilizzare un abilità con caratteristiche diverse (pensare che OGGI lo propongono a i playertest della 5edizione di D&D…oggi…wow se sò svegliati presto lla WizardsoftheCoast) , altra finezza è la gestione della parata e delle armature come riduzione del danno…insomma immaginate un D&D o meglio un old school con un sistema sempre si ” A decide tutto er Master” ma con un corpus regole semplice , basato su il D6 ,con qualche regoletta figa e che ricalca per certi versi lo stile del primo AD&D….cazzo figo ,e vai co stò D6…insomma non si offenda nessuno (se quando mai) ma sembra la bella copia di un D&D per come cazzo dovrebbe essere fatto …seppur di D&D c’abbia poco.

Il sistema dei Concerti è figo ma ha in sè un pò del senso di “macchinoso” e alcune forzature regolistiche specie nel voler mettere troppi calcoli… Il giro di prove è semplicemente basato su un solo check di Suonare per canzone (a mio avviso pochino e troppo aleatorio..io avrei preferito 2,3 tiri a PG)  ,ottima è  l’idea degli assoli ma a mio avviso mancano di grinta ( ma manca di un qualcosa che li renda fighi..magari una serie rapida di tiri di dado o robe simili) e figata assoluta tutto ciò ruoti intorno alla SCALETTA che mi ha ricordato un pò per qualche assurdo motivo il poker (dove tu hai delle canzoni da puntare su un set di 7 slot e poi devi vedere se hai azzeccato e nel caso modificare qualcosa,figo).

Cosa non mi è dunque piaciuto? tutto il finale del concerto…e sinceramente son rimasto di sasso nel vedere spesso “conteggi inutili”

Si perchè se Mini Rock per sua stessa ammissione si presenti come principalmente un One Shot Game tanto che ci sono delle non-regole per la gestione della crescita dei PG e dell’esperienza non capisco perchè arrivare a conti su conti per sapere robe complesse come i “Punti Carriera” (vi dico solo nel manuale c’è un conto come esempio che cita: 22670+5×910,72(per difetto)  , ecco insomma..)

Ora ,fermo restando che i Punti Carriera in sè ..diciamocelo..non servono a nulla (perchè non sono punti per la crescita in una campagna) proporre conti con X e numeri con la fottuta virgola poi è un viziaccio che Mini Rock in più punti non si risparmia e infatti l’altra critica è nell’imane numero di modificatori specie con “virgola” del tipo 1,3  e robe simili.. altro esempio di questo è il calcolo per i $ guadagnati al concerto di esempio del manuale..417 x 1,4 x 1,3 x 1,2  ….insomma mi pare davvero molto strano che un gioco che per buona metà del regolamento “la parte D&Desca diciamo” fili via come l’olio e poi mi si cade su la fase più importante cioè il Concerto ,anche se solo nella fase dei calcoli finali. Insomma troppi calcoli per un gioco che per sua stessa ammisioe ne vuole ne cerca di essere un gioco longevo e di “crescita”

Cosa che mi ha lasciato perplesso è l’assenza di regole o cmq linee guida per i Contratti da stipulare per il Narratore verso i GIocatori/Personaggi (nel manuale vi è un esempio ma è troppo poco a mio avviso)

Un altra critica è l’inutilità dei ruoli  “Dietro le quinte” …si ok si può combattere e interpretare scorazzamenti vari  ma a mio avviso era a questo punto rimuovere quelle figure ,anzi non nominarle proprio come opzione ,o ,in alternativa concepire il Concerto non solo come fatto musicale ma anche come evento organizzativo (anche perchè il gioco stesso “narra” di concerti difficili da realizzare,organizzare e scovare)

Ambigue è infine la scelta di mettere la “Creazione Personaggio” per ultima scelta che come altrove ho già detto penalizza un pò la comprensione alla prima lettura del gioco (leggi i termini e non sai di che si parla ne hai un esemepio di scheda), nulla di grave ma a mio avviso è scomoda come soluzione.

Nel complesso però non son difetti insormontabili e la figata che ha il gioco nel farti maneggiare una chitarra che evoca fulmini…di concerti tenuti su di una zattera con a riva donne e uomini ubriachi che vengono sfidando la “legge” tra assoli, scalette andate in malora ecc ecc non ha paroagoni

IL  Manualino è un comodissimo tascabile A5  (cazzo vi portate appresso quei mattoni di IPhone/Pad perciò, no problema) a colori disegnato e curato esteticamente in modo gradevolissimo…forse troppo …o forse io che vedo sempre il lato nero del Rock ma stà di fatto che permane molto di più una sensazione preponderante di politically correct che a tratti secondo me “perde”.  Andava a mio avviso fatto sopratutto nella grafica un tono più “aggressivo/trasgressivo” che forse un pò manca al prodotto ..ma alla fine è gradevole e probabilmente non pesterà troppo i piedi a i giocaotri lasciandoli liberi di dargli il giusto tono alle partite senza imporlo..ottime dunque le illustrazioni ,davvero.

piccolo estratto dal manuale..

E’ un gioco di appassionati per appassionati…di GDR e Rock..tutto quà , qualche errorinoquà e là ma tanta figaggine che trasuda in ogni citazione,pagina o idea malsana… a mio avviso un titolo che non sfigurerebbe affatto persino  di un futur approfondimento o di una linea propria di più corposi manuali…in attesa di quello, è un picolo GDRirrino che se giocato OVVIAMENTE da persone giuste e Rockeggianti regala momenti epici davvero;  complice un fottuto regolamento che tende sempre all’esagero; inoltre non credo di dover dire che codesto gioco andrebbe giocato con a tavola tanti bei boccali di birra e un bell’impianto stereo con ottima musica di genere.

Per tutti gli altri..per quelli che hanno da ridire o che non conoscono quelle 4,5 foto poco su , o che quando parlano di Rock pensano a robe come Ligabue, Vasco o i Modà ,bhè a voi vi consiglio candidamente di fare PRATICA DEL ROCK magari a un altro gioco….

…buon divertimento…

Il  gioco Mini Rock è della Mini G4m3s Studio e lo trovate in vendita non sò dove (store-online, fiere ecc ecc) … ma PIGLIATEVELO

Informazioni su Mr_Gogio

"Se fossi normale non sarei qui"... giocatore di ruolo da 15 anni e forse più, ho praticamente consumato metà della mia vita a giocare e analizzare giochi, che spesso sono fatti male e sono venduti peggio; mi piace il cinema, la figa e mai e poi mai ammetterò che mi sbaglio su qualche cosa....piuttosto "tira iniziativa!"

Pubblicato il novembre 20, 2012, in Gioco di Ruolo, Recensione GDR con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 11 commenti.

  1. Ecco, questo è uno di quei giochi che o veniva una meraviglia o faceva schifo e ingossa! Per fortuna è la prima, quindi prossimamente sarà mio. 😀

    PS: Ma quant’è figo Brutal Legend!?! Lo adoro!

    • non te fidà troppo delle mie recensioni….come dico sempre “provare per credere” in tutti i sensi

      Io gli ho dato 8 perchè un bel pò di punti se li è beccati il setting chiaro ,semplice ma di stile

      Altri punti se li è beccati la parte old school del regolamento ,cioè un gioco semplice senza troppe pretese regolistiche (seppur in alcune cose gira benissimo…vedi le ,finalmente, armature che riducono il danno)

      Va un pò a perdere nella fase dei concerti e in un ottica da “campagna” che aimè son punti un pò focali e a mio avviso andavano gestiti meglio ma gli alti voti delle voci poco su compensano il voto finale

      Dunque provalo e dimi semmai che ne pensi..per il resto penso sia bellissimo per delle serate scazzate tra amici con pizza,birra e uno stereo che gira in sottofondo

  2. Ciao!
    innanzitutto grazie per la recensione. Sapere che le cose che ti esaltano del gioco sono quelle che l’hanno fatto nascere, ovvero la vena rock-citazionistica dell’ambientazione e la “truzzaggine” degli scontri con i poteri dello spirito del rock, mi fa pensare una volta di più che abbiamo fatto centro con questa scelta ardita per il manuale di quest’anno (e come è andata a lucca è già testimone di ciò). Apprezzo anche che sia stata colta la volontà di invitare all’immaginare e fantasticare sul mondo di gioco piuttosto che imporre ambientazioni iper particolareggiate. Insomma preferiamo stimolare piuttosto che imporre.

    Non mi dilungo ulteriormente a riprendere tutte le ottime parole che spendi per varie cose del manuale, ma voglio soffermarmi a spiegare, e non contraddire, i punti sui quali hai delle perplessità.
    1) La critica ai concerti. I concerti sono una cosa che ho avuto sinceramente difficoltà a trasporre nelle regole di un gioco di ruolo. Avevo 3 o 4 strade da percorrere ma il play testing ci ha fatto scegliere la strada più in sintonia con il concetto di tutta la collana dei mini, e cioè non volevamo che il concerto si tramutasse in una sequela mostruosa di tiri di dado. Per questo in un concerto non si tirano più dadi di quanti se ne tirerebbero in un combattimento di 8 round (1 round per ogni brano in scaletta).
    2) I numeri e i calcoli (con la virgola:D) nei concerti. Sono arrivato a questo sistema di calcolo visto che ad oggi i cellulari con calcolatrice li hanno tutti e l’ostacolo matematico è relativo. In secondo luogo ho dato questa impostazione “numerica” all’esito dei concerti proprio per strizzare l’occhio al panorama videoludico che inevitabilmente va accostato a mini rock (e che tu prontamente hai individuato con alcune immagini nella recensione, brutal legend, guitar hero…). E poi una strizzata d’occhio la do anche a questi punteggioni carriera a cinque o sei cifre che a noi nerd piace osservare crescere sulla scheda come fossero il nostro tessssssoro.
    3) La presunta “inutilità” di questi calcoli. Per spiegarti cosa c’è dietro devi sapere che questa parte è quella che ha determinato più contrasti internamente alla mini g4m3s in fase di sviluppo del gioco quindi mi fa piacere parlarne. Infatti mini rock per la sua vena di “parti dai bassifondi fino a diventare una stella del rock” è naturalmente votato a campagne sviluppate su più sessioni. Ma questo non sarebbe stato un mini g4m3s e il prodotto, facendo parte di una collana, ne deve mantenere lo spirito, ovvero quello di dare all’utente giochi pronti da giocare quasi come un gioco da davolo, che si tira fuori per una serata e via. Davanti a questa realtà non mi sono arreso e ho mantenuto nel manuale questa parte numerica legata ai concerti, accennando a dei modi per far “crescere di livello i pg” proprio mosso dall’intima convizione, confermata durante il playtest, che “diavolaccio ma con il mio rocker ci voglio giocare ancora!”. E quindi la serata dopo, magari con qualche nuovo giocatore al tavolo, ci siamo trovati che i due o tre membri del gruppo che aveva calcato il palco nella sessione di gioco precedente volevano riutilizzare ancora il loro rocker. E mi sono detto “hey ma questa è una cosa normalissima nella realtà dei gruppi rock”. E così il gruppo ha semplicemente ad esempio cambiato chitarrista o cantante, o ospitato il bassista di un altro gruppo, senza perdere i suoi punti carriera. E visto che i personaggi che avevano partecipato alle sessione precedente di gioco non erano “cresciuti”, non c’era disparità fra loro e i nuovi arrivati.
    4) L’inutilità dei ruoli dietro le quinte (groupie, roadie, manager). Questi ruoli sono ovviamente più limitati rispetto a quelli da palco che hanno parte attiva anche durante i concerti, ma non li definirei tuttavia inutili. Il gioco dei ruoli non da palco è un gioco più politico e investigativo, forse più rivolto a gruppi di gioco e master “scafati”, visto che gestire due piani narrativi (quello dei rocker e quello degli organizzatori) quasi come se si avessero due gruppi di gioco distinti non è facile.
    5) L’assenza di linee guida per i contratti concerto: si forse potevo scendere in più dettagli o esempi. L’idea è come al solito quella di lasciare più carta bianca possibile al narratore ma in effetti potevo dilungarmi un pochino di più…rimedieremo con dei contenuti scaricabili dal sito a breve!!!! grazie per la segnalazione.
    6) La creazione dei personaggi come ultima parte. E’ una scelta di tutta la collana: mettiamo la creazione personaggi alla fine così uno ha già letto tutto o sa dove andare a riguardare quando non gli è chiaro cosa gli converrebbe di più acquistare o come strutturare la scheda perchè rispecchi il concetto che vuol dare al pg. A noi pare una buona scelta ma liberissimi di non concordare:)
    7) Il profilo artistico del manuale. Io sono davvero contentissimo del risultato finale. Un manuale così colorato e accattivante l’ho visto raramente. Posso essere daccordo che per alcuni temi trattati (post-apocalisse, ribellione, abomini e creature demoniache) potevamo utilizzare una grafica a volte più graffiante, urban, cupa. Ma il manuale è nato con il sorriso sulle labbra di un’avventura rock esagerata e appariscente. A dare il risvolto cupo o graffiante alle sessioni di gioco penso ci penseranno i narratori e i giocatori scegliendo delle colonne sonore epiche e metallose che preferiscono 🙂

    Spero di non essermi dilungato troppo. Comunque parlare della tua creatura e spiegarla è veramente una cosa fantastica, grazie per l’opportunità!
    CIAO!!!!

  3. Scusate ma voi conoscete il veb comic “crono storie di potenza”?Perchè il fumetto pare che parla di argomenti molto simili (in pratica sarebbe un D&D che ha come ambientazione cha il mondo della musica con tanto di barbari mettalari,lich emo ed succubi gruoppy/menager…..)

  4. No spiacente, mai sentito, magari mi informo che mi metti curiosità:)

  5. Scusate il leggero OT ma anche io nel mio piccolo, e per farmi due risate, ho scritto un fantasy a livello tecnologico contemporaneo l’Insopportabile Mondo di Attis.
    Liberamente e gratuitamente scaricabile da qui: http://www.gdrzine.com/forum/viewtopic.php?p=386232#p386232
    E’ una cosina per farsi due risate.

  6. I must thank you for the efforts you have put in writing this blog.

    I am hoping to check out the same high-grade content
    by you in the future as well. In truth, your creative writing abilities has encouraged me to get my own site
    now 😉

  7. I am not sure where you are getting your information, however
    great topic. I needs to spend some time studying more or working out more.
    Thanks for excellent information I used to be looking for this information for my mission.

  1. Pingback: Il Mondo dell’Apocalisse… il post apocalittico delle traduzioni « Role&gamE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: